in , , ,

Tutto sugli yogurt fatti in casa e sulla scelta di una yogurtiera

Se vuoi sapere tutto sulla preparazione dello yogurt fatto in casa, se sei riluttante a iniziare o se non sai come scegliere una yogurtiera, quanto segue ti interesserà. Volevo scrivere un articolo completo sugli yogurt fatti in casa per portarvi tutte le risposte alle vostre domande.

Ecco le domande affrontate:

– Perché fare lo yogurt?

– Scegli una yogurtiera

– Come funziona ?

– Alcune cose da sapere sull’utilizzo di una yogurtiera

– Soluzioni alternative alla yogurtiera

– Quali ingredienti servono per fare lo yogurt?

– La ricetta base nelle immagini

– Ricette per variare i piaceri

Perché fare lo yogurt?

  • Per motivi ecologici: Niente più imballaggi da buttare. Immagina, la tua famiglia mangia 4 yogurt in un giorno. Calcola in un anno, sono 1460 vasi di plastica in meno per il pianeta.
  • Per motivi di innovazione: Frutta, caramello, cioccolato, yogurt speziati e anche yogurt salati sono tuoi! Se ti piace scoprire nuovi sapori e addentrarti in idee un po’ stravaganti, non aspettare oltre per iniziare. Ci saranno dei fallimenti, ma ci saranno dei successi di cui sarai orgoglioso.
  • Per motivi di qualità: Quando fai i tuoi yogurt, ovviamente sai cosa ci metti dentro. Scegliamo di utilizzare latte biologico, latte vegetale, latte parzialmente scremato secondo le nostre convinzioni e i nostri desideri. Scegliamo di dosare lo zucchero a nostro piacimento e soprattutto scegliamo quale zucchero utilizzare: miele, sciroppo d’agave, sciroppo d’acero, zucchero grezzo… Con gli yogurt fatti in casa, sappiamo cosa ci mettiamo!
  • E per motivi economici? Rimango scettico sul fatto che gli yogurt fatti in casa siano o meno più economici. Finché si utilizza latte biologico e fermenti lattici in polvere, penso che il prezzo unitario sia più costoso di uno yogurt di primo prezzo nei supermercati. Non mi sono preso il tempo di controllare, ma vorrei avere la tua opinione e dirmi se hai fatto dei calcoli. Ovviamente devi tenere conto dell’investimento della yogurtiera e dell’elettricità che utilizza.

Scegli una yogurtiera

In commercio ci sono tante yogurtiere, ma vedrai che alla fine non è difficile fare la tua scelta perché il funzionamento di una yogurtiera è davvero molto semplice. (vedi sezione “Come funziona?”)

Cosa considerare prima di fare la tua scelta:

  • Il tipo di yogurtiera : ci sono yogurtiere molto semplici che ti permettono di fare lo yogurt (logico) e ci sono yogurterie combinate al formaggio che ti permettono di fare anche vasetti di colini. Sono anche venduti con pentole speciali. Se ti piacciono entrambi i tipi, perché non lasciarti tentare. Non l’ho mai provato ma penso che l’idea sia geniale.
  • Il numero di vasetti : 4 pentole, 6 pentole, 7 pentole, 8 pentole, 12 pentole… Piccoli e grandi consumatori si incontrano lì. Calcola quanti yogurt si mangiano in un giorno e vedi cosa funziona meglio per la tua famiglia. Sappi che con un litro di latte fai 8 vasetti da 14,3 cl. Le pentole, da una marca all’altra, non hanno lo stesso volume. Con alcune yogurtiere puoi fare 8 vasetti, mentre con altre puoi riempirne solo 6 per la stessa quantità di latte. Una volta ricoperti, gli yogurt si conservano per 10 giorni in frigorifero. C’è anche un marchio che vende pentole con ardesia per annotare la data di scadenza. Intelligente.
  • Il timer : Contare dalle 8 alle 10 ore di fermentazione per ottenere gli yogurt. In genere si avvia la yogurtiera la sera prima di coricarsi e la mattina dopo le si ripone in frigorifero per 12 ore prima di degustarle. Alcune yogurtiere non hanno il timer e si spengono quando il tempo è scaduto mentre altre emettono un segnale. Per le teste in aria, può essere utile perché dovresti sapere che gli yogurt troppo fermentati diventano acidi.
  • Il prezzo : Da 10 € a più di 150 €, hai tutti i budget, ma un consiglio, non ha senso pagare in eccesso. Il funzionamento della yogurtiera è molto semplice ed il prezzo è soprattutto legato all’immagine del brand.

A conferma della scelta di questa o quella yogurtiera, vi consiglio di cercare un po’ su Internet le opinioni delle persone sul modello che avete scelto. Mi piace particolarmente andare a informarmi sul sito ciao.fr.

Che scelta ho fatto? Di tanto in tanto mi viene posta questa domanda, quindi potrei anche rispondere a tutti qui. Ho una yogurtiera Sebquello che molte mamme hanno perché esiste da oltre 20 anni.

Come funziona ?

Trovo interessante sapere come riesci a fare lo yogurt da solo e come funziona la yogurtiera. Non preoccuparti, vado al sodo.

Il principio è quello della moltiplicazione di due batteri che si sviluppano nel latte ad una certa temperatura (40°C). Questi batteri sono portati dai fermenti lattici (vedi Quali ingredienti servono per fare gli yogurt?) e permetteranno l’addensamento del latte e l’apporto dell’acidità caratteristica degli yogurt.

Al di sopra dei 45°C i batteri muoiono e gli yogurt non possono solidificare. La yogurtiera consentirà quindi di raggiungere la temperatura ideale per lo sviluppo dei batteri e di mantenere tale temperatura durante le 8-10 ore di funzionamento. Funziona un po’ come un forno. È quindi indispensabile lasciare chiuso il coperchio della yogurtiera.

Alcune cose da sapere sull’utilizzo della yogurtiera

  • La yogurtiera deve essere posizionata su un mobile stabile, che non si scuota. Non dovrai nemmeno spostarlo durante il suo funzionamento.
  • In generale, i coperchi non vanno posti sui vasetti mentre la yogurtiera è in funzione, ma alcune marche consigliano i coperchi durante la fermentazione. Fare sempre riferimento al manuale dell’utente.
  • Il latte deve essere a temperatura ambiente. Con il latte freddo funziona ma gli yogurt impiegheranno più tempo a solidificare. Potrebbe anche aiutare la yogurtiera dall’inizio. Idem, se dovete scaldare il latte per incorporare un ingrediente, lasciatelo raffreddare a temperatura ambiente per non uccidere i batteri. (vedi come funziona?)

Alternative alla yogurtiera

Se non hai spazio per un nuovo elettrodomestico, o semplicemente non te lo puoi permettere, ci sono 3 soluzioni alternative per realizzare comunque i tuoi yogurt.

  • Il forno : La precauzione da prendere prima di iniziare è vedere se il vostro forno è in grado di riscaldarsi fino a 40°C. Non potrete più fare lo yogurt in questo modo, perché vi ricordo che i fermenti muoiono a partire dai 45°C. Preriscalda il forno a 40°C. Allo stesso tempo, scalda leggermente il tuo latte. Dovresti essere in grado di infilare un dito e sentire un leggero calore. Preparate la vostra ricetta dello yogurt (vedi Ricetta Base) e versatela nei vasetti di vetro (raccogliete i vasetti di yogurt in vetro che avrete comprato per l’occasione). Infornate per 1h30, spegnete il forno e lasciate cuocere a vapore per 7-8h. Mettere gli yogurt in frigo per 12 ore. Ricordati di coprire i vasetti con pellicola o foglio di alluminio.
  • La pentola a pressione: La pentola a pressione è un ottimo forno. È necessario versare un fondo d’acqua nella casseruola (circa 5-6 cm) e farlo lievitare sotto pressione per 5-6 minuti. Nel frattempo preparate la vostra preparazione allo yogurt e versatela nei vasetti di vetro. Spegnere il fuoco sotto la casseruola, abbassare la pressione, togliere il coperchio, togliere l’acqua e mettere le pentole sul fondo. Chiudere e lasciare fermentare per 8 ore. Non appena si apre la casseruola, bisogna infilare velocemente le pentole e chiuderle per far uscire meno calore possibile. Poi mettete i vostri yogurt in frigorifero per 12 ore.
  • Il piroscafo : Sorprendente, eppure è anche possibile utilizzare una vaporiera perché il vapore è una cottura delicata. Versare l’acqua nella pentola, coprire e scaldare per 10 minuti. Nel frattempo preparate la vostra preparazione allo yogurt, versatela nei vasetti di vetro. Spegnere il fuoco sotto la vaporiera, mettere gli yogurt nel cestello e metterlo nella pentola. Richiudete il coperchio e lasciate fermentare per 8 ore. Riponete i vasetti in frigorifero per 12 ore.

Quali ingredienti servono per fare lo yogurt?

L’indispensabile

  • Latte : Per gli yogurt sono adatti il ​​latte intero, parzialmente scremato, di vacca scremato, di capra, di soia. Altri latti vegetali (riso, nocciola, mandorla, avena, ecc.) non funzionano perché non possono coagulare. Tieni presente che gli yogurt al latte intero sono più sodi.
  • Fermenti lattici: L’apporto dei fermenti lattici può avvenire in 2 modi. Puoi scegliere tra fermenti lattici in polvere o yogurt naturale del negozio (o di un lotto precedente). I fermenti lattici in polvere si trovano nelle farmacie, nei negozi biologici e da qualche tempo nei supermercati con il marchio Alsa. Quindi quale scegliere? Con l’aggiunta dello yogurt, gli yogurt fatti in casa sono meno sodi e più acidi, mentre i fermenti lattici in polvere forniscono un po’ più di compattezza e un sapore più dolce. Tuttavia, i fermenti sono più costosi dello yogurt. Si noti inoltre che la scelta dello yogurt (bulgaro, vellutato, classico) influenzerà la consistenza finale dello yogurt fatto in casa.

L’opzionale

  • Latte in polvere: Il latte in polvere rende lo yogurt più sodo. In generale, gli yogurt fatti in casa hanno una consistenza diversa rispetto a quelli acquistati in negozio. Sono più liquidi, più cremosi. Il latte in polvere permetterà loro di assumere più consistenza.
  • Caglio: Questo prodotto caglia il latte. Viene utilizzato principalmente per fare il formaggio, ma può essere utilizzato anche nei nostri yogurt per renderli più sodi al posto del latte in polvere. È sufficiente aggiungere oltre al fermento lattico, da 3 a 4 gocce di caglio nel latte. Il caglio lo trovi in ​​farmacia. Si conserva in frigo per alcuni mesi. Conta circa 7 € secondo le farmacie.
  • Zucchero : Zucchero di canna, zucchero bianco, miele, sciroppo d’agave, sciroppo d’acero, salsa al caramello: tutto è permesso. Per il dosaggio, stimo circa 1 cucchiaio per uno yogurt. Quindi moltiplico per il numero totale di pentole. Non esitate ad assaggiare la vostra preparazione. Ricordate che lo yogurt ottenuto sarà un po’ meno dolce della preparazione perché i fermenti porteranno un po’ di acidità.
  • Spezie ed erbe aromatiche: Le spezie vanno generalmente in infusione nel latte: vaniglia, cannella, anice stellato, zenzero. Il latte assume così un delizioso profumo. E perché non aggiungere le erbe? Gli yogurt sono realizzati anche in versione salata per antipasti freschi.
  • Aromi ed estratti: Ci sono molti estratti in commercio, come vaniglia o caffè e aromi con, ad esempio, mandorla amara, fiori d’arancio, acqua di rose… Tutto questo si scioglie molto bene nel latte e conferisce aromi delicati ai tuoi yogurt.
  • Marmellate e frutta: Hai provato a mettere un letto di marmellata negli yogurt? I frutti sono un po’ più complicati perché alcuni possono inacidire il latte. Altrimenti, nulla ti impedisce di mettere frutti in umido e leggermente dolci. Dimentica gli agrumi, il loro succo trasforma il latte. D’altra parte, puoi infondere le scorze nel latte.

Ricetta base

Per 8 vasetti (1 litro di yogurt in totale)

  • 1 litro di latte intero a temperatura ambiente
  • 1 bustina di fermenti lattici o 1 yogurt

La notte prima

1- Versare il latte in una ciotola.

2- Con lo yogurt: Aggiungere lo yogurt al latte e mescolare con una frusta.

2 (bis)- Con il fermento: Versare gradualmente il fermento sbattendo. I fermenti devono essere distribuiti correttamente durante tutta la preparazione.

3- Versare nei vasetti di vetro con un imbuto e un mestolo.

4- Chiudere la yogurtiera e accenderla.

La prossima mattina

4- Quando la yogurtiera ha terminato il suo lavoro (controlla i tempi di funzionamento sul tuo manuale), chiudi i vasetti e lasciali per almeno 2 ore (meglio 12 ore) in frigorifero a rassodare.

E per variare i piaceri

Caffè, vaniglia, brulé, limone, vegetariano, tè… Trova più di 30 ricette nella sezione Yogurt.

What do you think?

Written by alduomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Charlotte con palline di mousseline al cioccolato e vaniglia

Clafoutis di albicocche, rosmarino e miele