in ,

Prova del barbecue Carlo di Barbecook

Quando un test del prodotto chiama un altro test del prodotto. E sì, di recente ho ricevuto un nuovo barbecue portatile (ricordate, il mio primo test è qui). Mentre qualche mese fa non conoscevo i barbecue portatili, eccomi qui al mio secondo test nell’arco di pochi mesi. È quindi il marchio Barbecook che mi offre questa possibilità. E tra i diversi prodotti che mi ha offerto, ho scelto il modello Carlo, il cui look mi piace molto con il suo lato retrò e questo giallo scintillante.

Questo prodotto mi è stato offerto ma mantengo la mia libertà di scrittura e di opinione.

Presentazione

Il barbecue Carlo di Barbecook è un barbecue portatile.

Si compone di una base con piedini antiscivolo. All’interno c’è un piccolo ventilatore (funziona con 4 batterie AA) che ti permetterà di soffiare sulla brace per te. La ventola emette un leggero rumore quando la giri alla massima velocità ma rimane discreta.

All’interno di questa base è collocata una vasca in acciaio inox che raccoglie il grasso.

Al centro di questa vasca in acciaio inox è posto il camino centrale in cui è posto il carbone. Mettiamo 500 g di carbone, la cottura dura 2 ore. Ovviamente puoi aggiungere carbone lungo il percorso per far durare il barbecue.

E soprattutto agganciamo semplicemente la griglia di cottura alla base. Questa griglia ha la particolarità di essere dotata di una piastra centrale in acciaio inox per evitare che il grasso cada nel carbone. La griglia è molto pratica perché non si muove sul barbecue e il suo bordo permette di fissare gli ingredienti.

Come potete vedere dalle foto, questo barbecue è completamente sfoderabile e ogni sua parte è acquistabile separatamente.

Infine, per avviare la ventola, basta girare il pulsante di accensione. Questo si accende.

Nomade

Viene fornito con una borsa per il trasporto che lo rende facile da portare con te.

Pesa 4,6 kg ed è lungo 43,5 cm, largo 33,5 cm e alto 23,5 cm.

Un barbecue senza fumo

La particolarità di questo barbecue, oltre ad essere nomade, è di non produrre quasi fumo. Il suo design gli consente di evacuare il grasso senza che tocchi il carbonio. La cucina è quindi più sana e senza fumo. Ma attenzione, ci sarà sempre del fumo da cucina come c’è con un grill elettrico. C’è anche il fumo che emana dalla carbonella quando si accende il barbecue.

La base del barbecue rimane fredda, quindi puoi appoggiare il dispositivo su un tavolo senza paura o direttamente nell’erba.

Una grigliata conviviale

Questo barbecue è l’ideale per 6 persone ma puoi immaginare fino a 8 persone se fai solo salsicce.

Test

Come funziona il barbecue?

Per prima cosa riempite il camino di carbone (ci vogliono 500 g) e aggiungete 3 accendifuoco.

Accendiamo gli accendifuoco con un fiammifero e aspettiamo che bruci. Allo stesso tempo, la ventola è accesa.

Quindi chiudiamo con la copertura del camino.

Quando il fumo smette, puoi posizionare la griglia, attendi ancora qualche minuto che si scaldi prima di iniziare la cottura.

La cottura è abbastanza uniforme su tutta la griglia, anche se i lati si scaldano un po’ meno rispetto alla parte centrale (normale, al centro c’è la carbonella). Ma tutto cucinato molto bene. Gli spiedini non si attaccavano così tanto al piatto centrale, cosa di cui ero preoccupato.

Pulizia

Il barbecue è completamente smontabile. Tutte le parti sono facilmente lavabili. A cottura ultimata, togliere la griglia e lasciarla raffreddare.

Il serbatoio in acciaio inox e gli accessori in acciaio inox sono lavabili in lavastoviglie.

Temevo che la piastra centrale sarebbe stata difficile da pulire ma non ci sono volute troppe raschiature. Una sorpresa molto buona!

Il prezzo

La mia opinione

Se stai cercando un vero e proprio piccolo barbecue portatile, questo svolge perfettamente il suo ruolo.

Cosa mi è piaciuto:

  • Il suo look, prima di tutto, retrò e colorato.
  • Le sue dimensioni: si adatta perfettamente ai piccoli spazi. È compatto ma ti permette comunque di cucinare facilmente per 6 persone.
  • La ventola che aziona il fuoco.
  • La griglia di cottura che offre una cottura proprio come un vero barbecue e il suo bordo che previene possibili cadute.
  • Il sistema che impedisce al grasso di cadere sulla brace e offre così una cottura più sana e senza fumo.

Non importa quanto ho cercato, non sono riuscito a trovare un aspetto negativo. Unica pecca che ho notato: manca un accessorio per alzare il coperchio del camino e controllare lo stato del carbone. Ci sono 2 piccole maniglie, quindi diciamo che è stato pensato ma non viene fornito con esso. Quindi, ho usato la lama di un coltello ma fa molto molto caldo. E poi ho commesso l’errore di tenere il coperchio con il guanto da forno, ha iniziato a bruciare (non ha preso fuoco ma non ha resistito alle alte temperature). Quindi fai attenzione a come lo gestisci!

Barbecook contro Cobb

Ora che ho potuto testare 2 barbecue portatili, un confronto è d’obbligo. Come sono differenti? Chi fa cosa meglio? Ti riassumo tutto.

Peso altezza

Il Cobb è più piccolo e leggermente più leggero del Barbecook, quindi più facile da trasportare. Ma essendo più piccolo, è adatto per 4 persone contro 6 per Carlo.

Combustibile

Il Cobb e il Carlo corrono a carbone. Ma il Cobb ha il pregio di offrire anche un combustibile naturale di facile utilizzo: un colpo di cannello per accenderlo e basta. Non c’è bisogno di affrontarlo, pronto rapidamente. Insomma, lo trovo super pratico e in casa occupa poco spazio a differenza del sacco del carbone che va riposto.

Accessori

Il Carlo è un barbecue che griglia. Punto.

Cobb propone invece vari accessori: pietra pizza, padella, wok, plancha, un kit per barbecue tradizionale, un’estensione della cupola per cuocere grandi pezzi… E il suo coperchio offre la possibilità di stufare, usalo come un forno o per affumicare il cibo. È molto più versatile.

Ergonomia

I due barbecue sono molto facili da montare e smontare. Niente da dire su questo punto per l’uno come per l’altro.

D’altra parte, il Cobb è meglio pensato. Lasciatemi spiegare. Quando hai finito di cucinare, devi rimuovere il piatto e Cobb ha previsto uno spazio nel coperchio. Ma da Barbecook, il Carlo non ha niente che possa ospitare la griglia. Essendo molto caldo e sporco, non ho altra scelta che appoggiarlo sul pavimento contro il mio muro.

Pulizia

La pulizia è facile per entrambi.

Tuttavia, la piastra a induzione del Cobb, sebbene rivestita in teflon, è più difficile da pulire perché il grasso brucia più velocemente e più forte su di essa. Il raschietto è obbligatorio. Tuttavia, non è raccomandato per questo tipo di rivestimento.

Il modulo

Rotondo per uno, rettangolare per l’altro. È ovvio che un barbecue rettangolare è più pratico per cucinare gli spiedini. Gli ultimi spiedini che ho cucinato al Cobb dovevano essere tagliati a metà per far entrare tutto. Il problema non si pone con il Carlo.

Inoltre la piastra a induzione del Cobb è un po’ curva e priva di spigolo, le cadute sono più rischiose.

cucinando

Uno ha una griglia, l’altro un piatto. E la cucina è diversa.

Il piano cottura a induzione Cobb’s si scalda molto di più e tende a bruciare troppo velocemente. I pezzi che richiedono un po’ più di tempo per cuocere tenderanno a bruciare. Occorre quindi alternare tra la piastra ad induzione e il grill piccolo (venduto con) + coperchio per terminare la cottura senza essere a contatto con il fuoco.

La griglia Carlo è molto più vicina a un barbecue. E anche se al centro è presente una piastra in acciaio inox, ciò non impedisce che la cottura sia più delicata. Soprattutto perché possiamo giocarci sopra con il fan.

Conclusione

Alla fine: 2 barbecue nomadi ma tutti 2 diversi.

Se volete un vero barbecue, vi consiglio il Carlo de Barbecook. Dovete sapere anche che il marchio offre molti altri prodotti, altri barbecue nomadi ma anche barbecue classici, carbonella, gas, affumicatori… Ho anche esitato tra il Carlo e il Billy, un mini barbecue con coperchio ma l’ho trovato meno adatto per il mio balcone Questo è il punto forte di questo marchio, puoi trovare la tua felicità in base alle tue esigenze.

Se vuoi un piccolo barbecue multifunzione, che ti permetta di divertirti (grazie ai vari accessori) e di grigliare senza prendere il comando (veramente, ti consiglio i combustibili della marca se prendi un Cobb), il cobb sarà più adattato alle tue esigenze.

What do you think?

Written by alduomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Vaniglia calda fredda e frutta saltata in padella

Cheesecake ai lamponi e coulis di frutti rossi